Bali da scoprire: destinazioni alternative alle isole Gili e Lombok

Il terremoto che ha colpito Lombok il 5 agosto 2018 ha lasciato spaesati e preoccupati molti turisti che avevano già programmato le loro vacanze in Indonesia. Se rientrate in questa categoria e state pensando a delle mete alternative alle isole Gili e a Lombok, in questo articolo troverete una serie di indicazioni utili. Prima di proseguire con la lettura, è importante tuttavia avere ben chiare alcune informazioni.

>>> ULTIMI AGGIORNAMENTI SUL TERREMOTO <<<

lombok terremoto 7.0

#1 Situazione geologica dell’Indonesia

L’Indonesia è uno stato composto da 17.508 isole, distribuite lungo la Cintura di fuoco, sede di oltre 150 vulcani attivi e punto di incontro di tre importanti faglie tettoniche: quella eurasiatica, quella australiana e la placca pacifica. Per questa ragione questo stato è da sempre soggetto a fenomeni di attività sismica e vulcanica, che costituiscono da sempre la “normalità” per questo paese.

#2 È possibile prevedere se ci saranno altri terremoti?

Nonostante siano presenti numerosi centri di monitoraggio e studio dei vulcani e dei terremoti, è IMPOSSIBILE prevedere questi fenomeni naturali, in Indonesia così come in qualsiasi altra parte del mondo. Diffidate di qualsiasi notizia vi dica il contrario!

#3 È pericoloso andare a Bali dopo il terremoto a Lombok?

Il terremoto avvenuto a Lombok il 5 agosto ha generato gravi danni e perdite su tutta l’isola, con conseguenze pesanti anche per le tre adiacenti isole Gili (Gili Air, Gili Meno e Gili Trawangan). A Bali, situata a poco più di 100 chilometri di distanza, la scossa è stata percepita in maniera netta soprattutto nelle aree a sud-est dell’isola. Nonostante ciò, i danni sono stati molto contenuti e non è stata ad oggi dichiarata alcuna allerta o stato di emergenza. Pertanto tutti i territori al di fuori di Lombok e le isole Gili sono da considerarsi, al momento, sicuri.

miglior tour spiagge di bali

Destinazioni alternative alle isole Gili e Lombok

Se la vostra vacanza in Indonesia prevedeva una tappa alle Gili e a Lombok, vi consigliamo di disdire tutte le prenotazioni. Attenzione: questo non significa rinunciare alla vostra vacanza, ma semplicemente apportare una piccola modifica ai vostri piani, tutto per la vostra sicurezza.

A seguire trovate una serie di tappe alternative che non potete perdere. Si tratta di alcuni gioiellini di rara bellezza, al di fuori dei più classici circuiti e che non vi deluderanno affatto. Esistono infatti delle zone in cui l’afflusso dei turisti è piuttosto contenuto per via della distanza dalle aree più affollate (il centro-sud dell’isola) ma anche – e soprattutto – per una mancanza di informazioni sufficienti al riguardo.

Se avete a disposizione almeno 2 o 3 giorni ecco le vostre alternative alle Isole Gili e Lombok:

  1. AMED
  2. PEMUTERAN
  3. NUSA PENIDA, LEMBONGAN E CENINGAN

amed bali est
© François Grunberg

Amed: vita da spiaggia, snorkeling e relax

Famosa principalmente tra gli amanti del diving, è la meta ideale per passare un paio di giorni in totale relax tra spiaggia, snorkeling e ottimi piatti a base di pesce fresco. Perfetta anche per godersi la vicina Tulamben nelle cui acque è sommerso il relitto della Liberty, una nave da carico americana silurata da un sottomarino giapponese nel 1942: gli amanti dello snorkeling possono raggiungerlo facilmente per osservare i favolosi coralli che vi crescono attorno.

Amed offre le albe più spettacolari della costa est, con vista sul lontano e maestoso Rinjani, ed è la base ideale per visitare gli spettacolari palazzi sull’acqua di Tirta Gangga e Taman Ujung, il famoso tempio Madre Pura Besakih e il tempio dei pipistrelli Pura Goa Lawah.

Come arrivare: Amed è raggiungibile sia in auto che in scooter, e dista circa 70 km da Ubud, 90 km da Canggu e un centinaio di chilometri dall’aeroporto Ngurah Rai.

Dove dormire: potrete scegliere fra numerose alternative adatte a tutte le tasche. Ve ne consigliamo alcune:

The Griya Villas and Spa ⭐⭐⭐⭐⭐ – Valutazione 9.0 (Eccellente)
The Kampung ⭐⭐⭐⭐ – Valutazione 9.6 (Eccezionale)
Solaluna Beach Homestay ⭐⭐ – Valutazione 9.6 (Eccezionale)

Pemuteran: una Bali incontaminata tutta da scoprire

Pemuteran è un tranquillo villaggio costiero nella zona nord-ovest di Bali, la scelta migliore se state cercando un soggiorno lontano dalla folla. Questa affascinante località offre possibilità di immersioni e snorkeling uniche, nonché la possibilità di raggiungere con un’escursione giornaliera la vicina isola di Menjangan.pemuterang bali ovest Ottimo punto di partenza per scoprire il Parco Nazionale Bali Barat dove è possibile fare bird watching (in questa zona sono state registrate 160 specie di uccelli) o semplicemente trascorrere una giornata sulla splendida spiaggia scoprendo la barriera corallina a largo della costa.

Nelle vicinanze di Pemuteran è possibile visitare i templi del villaggio di Pulaki, Pabean, Melanting e Kerta Kawat.

Come arrivare: Pemuteran è raggiungibile in auto e dista circa 120 km sia da Ubud che da Canggu, mentre dall’aeroporto sono all’incirca 140 km. Si trova a 15 km a est dell’isola di Menjangan e a 50 km a ovest dalla famosa località di Lovina.

Dove dormire: in questa zona tranquilla e remota troverete un numero di accomodation decisamente inferiore rispetto alle zone più turistiche. Tuttavia, anche in questo caso, non avrete di certo difficoltà a trovare qualcosa in linea con i vostri gusti. Ecco la nostra selezione:


Matahari Beach resort & Spa ⭐⭐⭐⭐⭐ – Valutazione 9.2 (Eccellente)
Taman Sari Bali Resort & Spa ⭐⭐⭐⭐ – Valutazione 9.1 (Eccellente)
Taruna Boutique Homestay and Spa ⭐⭐⭐ – Valutazione 9.3 (Eccellente)

Le tre Nusa: Penida, Lembongan e Ceningan

Se surfare (o anche solo ammirare le celebri onde di Bali), prendere il sole e immergervi nella natura rigogliosa sono le vostre passioni, che ne dite di visitare le isole Lembongan, Ceningan e Penida?

tour a nusa penida da bali

Nusa Penida è la più grande e la più esotica delle tre Nusa. Costellata di templi hindu unici, pittoresche formazioni rocciose e lagune, ha ancora un aspetto selvaggio che attrae gli amanti della natura selvaggia.

Vicino a Crystal Bay,la spiaggia di sabbia bianca di Penida, i sub godono di uno dei migliori siti di immersione di Bali: barriere coralline incontaminate, pesci Mola-Mola, mante e, se si è fortunati, persino squali balena. La visibilità è ottima anche per lo snorkeling proprio vicino al litorale.

Tra i templi più famosi di Penida suggeriamo il Goa Giri Putri, un tempio hindu balinese situato all’interno di una grotta calcarea nel villaggio di Karangsari, visitato dai pellegrini provenienti dalla terraferma di Bali per rendere omaggio e chiedere benedizioni, e il Pura Paluang nel villaggio di Karangdawa sulle scogliere sud-occidentali di Penida – con santuari che assomigliano alle automobili!

Curiosi di scoprire le bellezze naturali? Visitate Atuh Beach, una spiaggia remota sulla costa sud-orientale, delimitata da magnifiche colline verdi e formazioni peninsulari. Non dimenticate di fare un salto a Pasih Uwug, conosciuta anche come “spiaggia spezzata” perché una volta era una grande grotta che collassò sotto le onde blu dell’Oceano Indiano. Non perdetevi Angel’s Billabong, con la sua vasta laguna che si mostra in tutta la sua bellezza quando si ritira l’alta marea; alcuni visitatori sfidano la discesa per un tuffo e foto, ma state attenti e non rischiate di farvi male! Infine potrete visitare la maestosa Kelingking Beach, nascosta sulla costa sud-occidentale, da cui godere di una delle viste più mozzafiato dalla cima di una collina con lo stesso nome.

tour nusa penida

Nusa Lembongan offre spiagge incontaminate con sabbia bianca ruvida, panorami a picco sulla scogliera e viste sul mare che al tramonto diventano una vera e propria cartolina, che rivela all’orizzonte persino il profilo della vetta più alta di Bali, il Monte Agung. E ancora, una misteriosa casa sotterranea, Goa Gala-Gala, e lussureggianti foreste di mangrovie, una vasta scelta di surf break lungo la costa nord-occidentale, mentre gli amanti dello snorkeling e dei sub potranno godersi le acque cristalline e le barriere coralline al largo delle coste sud-occidentali.

Non perdetevi Devil’s Tear , un affioramento sito lungo la costa sud-occidentale dell’isola con una splendida vista sull’oceano e onde che si infrangono sulle scogliere calcaree frastagliate; fate anche un salto a Dream Beach, una distesa di sabbia bianca di 115 metri sempre sullo versante a Sud-Ovest.

Nusa Ceningan è la più piccola tra le tre isole Nusa di Bali è spesso visitata in combinazione con un viaggio a Nusa Lembongan, poiché sono comodamente collegate da un iconico ponte giallo sospeso e accessibile a piedi, in bicicletta o in moto.

Su quest’isola meno visitata, potete godervi una bella passeggiata per vedere da vicino la realtà locale: ampi paesaggi marini punteggiati da tradizionali barche da pesca e chiazze di alghe verdi, così come foreste di mangrovie con spiagge di nidificazione delle tartarughe. Tra gli spot costieri più popolari troviamo la Blue Lagoon, che offre un punto panoramico sulla sua scogliera, e Secret Beach sul versante sud-ovest dell’isola.

Come arrivare: barca veloce da Sanur (circa quaranta minuti)

Dove dormire a Nusa Penida:

Govardhan Bungalow ⭐⭐⭐ – Valutazione 9.6 (Eccezionale)
Atuh Forest Cottage Valutazione 9.9 (Eccezionale)

Dove dormire a Nusa Lembongan:

Royal Retreat Villa’s Lembongan  ⭐⭐⭐ – Valutazione 9.6 (Eccezionale)
The Akah Cottage ⭐⭐⭐ – Valutazione 9.4 (Eccellente)

Un commento

  1. Pingback: Terremoto a Lombok - ultimi aggiornamenti | Vacanze a Bali

I commenti sono chiusi.