I 10 errori da evitare quando si è in vacanza a Bali

Non tutti gli sbagli vengono per nuocere, soprattutto quando si parla di viaggi. Alcuni di questi, come ad esempio gli errori di prezzo nella prenotazione dei voli, non possono che fare del bene alla vostra vacanza. Non è sempre così però, e in questi casi, prendere la decisione meno corretta o sottovalutare aspetti particolari relativi alla propria destinazione può comportare grosse perdite di tempo, denaro e serenità mentale. Per quanto riguarda l’organizzazione di un viaggio a Bali, abbiamo identificato alcuni fra gli errori più comuni che solitamente vengono commessi dai turisti, siano essi esperti oppure ancora alle prime armi.

Queste informazioni  vi aiuteranno a pianificare al meglio la vostra vacanza, godere appieno del tempo a disposizione e risparmiarvi spiacevoli sorprese.

  1. Non controllare il periodo migliore per visitare Bali

Scegliere quando venire a Bali (non smetteremo mai di ripeterlo!) dovrebbe essere sempre la prima cosa da fare quando si organizzano le proprie vacanze. Su quest’isola le giornate sono soleggiate quasi tutto l’anno. È bene però sapere che tra maggio e agosto i livelli di umidità sono di solito al minimo, rendendo questo il periodo più piacevole e favorevole per visitare l’isola. I mesi tra ottobre e aprile sono invece caratterizzati da piogge occasionali e cieli coperti: certo questo non pregiudica affatto la bellezza dei luoghi da visitare e la possibilità di andare in spiaggia e tornare a casa con una tintarella invidiabile. Non dimenticate, infine, di controllare quando le date di alcuni eventi culturali davvero interessanti, come il Bali Kite Festival e il Nyepi, il famoso “Giorno del Silenzio” nonchè capodanno del calendario balinese.

  1. Esagerare con i bagagli

Questo è un errore piuttosto comune quando si viaggia, soprattutto verso destinazioni esotiche come Bali. Riconsiderate l’idea di portare troppi vestiti o scarpe perché probabilmente non avrete occasione di indossarli qui. Viaggiate leggeri: nel caso in cui abbiate bisogno di un ulteriore cambio di camicie, pantaloncini o sandali, a Bali potrete divertirvi a fare shopping a basso costo. Portare un bagaglio leggero significa anche avere più spazio per i regali: una visita nel distretto dell’artigianato locale e nei negozi di souvenir vi aiuteranno a riempire lo spazio vuoto rimasto in valigia. Non dimenticate di contrattare il prezzo dei vostri acquisti, farà parte anche questo della vostra esperienza di viaggio!

>>> Scopri la nostra guida per una valigia perfetta <<<<

errori vacanza bali
Fra i principali errori di una vacanza a Bali, l’eccesso di bagagli è una delle situazioni più frequenti.
  1. Cambiare gli euro in valuta locale prima del viaggio

Un altro errore comune è quello di voler cambiare già in Italia gli euro in rupie indonesiane: non ce n’è davvero bisogno, in quanto i tassi di cambio a Bali sono sempre i migliori. I bancomat sono piuttosto diffusi e la maggior parte di alberghi e ristoranti accetta pagamenti con carte di credito (Visa e Mastercard le più diffuse). Al vostro arrivo in aeroporto troverete un ATM e un cambiavaluta, se avete necessità immediata di contante.

Piccola nota: quando vi recate presso un qualsiasi banco di cambiavalute, controllate sempre i soldi dopo lo scambio. Attenzione ai piccoli cambi non ufficiali che trovate per strada: attirano i clienti con tassi di cambio molto favorevoli, ma spesso riservano delle grandi truffe. Assicuratevi di contare sempre per ultimi quanto vi viene dato in cambio prima di lasciare il negozio. Per evitare spiacevoli inconvenienti, consigliamo sempre di recarvi presso cambi autorizzati che non richiedono alcuna commissione.

cambio euro rupia indonesiana
Preoccuparsi di cambiare in anticipo gli euro in rupie indonesiane non è affatto neccessario.
  1. Sottostimare il traffico durante gli spostamenti

Con l’aumentare del turismo degli ultimi anni, il traffico a Bali è decisamente incrementato: la maggior parte delle strade sono piuttosto strette e molto spesso intasate di auto, soprattutto nella zona di Kuta, Legian, Seminyak e Kerobokan. Chiedete sempre informazioni sulle strade e una stima del tempo al personale dell’hotel in cui soggiornate, così da essere sempre informati circa i momenti più adatti per spostarsi, per raggiungere un tempio o per organizzare un’escursione con un driver.

tour bali itinerari

Non date mai per certe le indicazioni che trovate su Internet, soprattutto se non vi è indicato a quale periodo dell’anno (agosto è il mese con i peggiori picchi di traffico) e a quanti anni fa facciano riferimento. Se noleggiate uno scooter, ricordatevi di portare la patente internazionale e indossate sempre il casco.

  1. Non dotarsi di un’adeguata assicurazione di viaggio

Non pensate nemmeno di partire senza aver stipulato una adeguata assicurazione sanitaria! A Bali non si contano più i casi di viaggiatori che cercano aiuto attraverso Facebook o siti di crowfunding per coprire le spese ospedaliere dopo, ad esempio, un incidente stradale. Non si tratta di voler essere allarmisti o generare panico: quest’isola è un luogo estremamente sicuro e piacevole. Tuttavia, guidare nel traffico non è un’impresa facile, soprattutto in motorino, e lo stile di guida in Asia è estremamente diverso da quello cui siamo abituati noi. Perchè rischiare di rovinarsi una vacanza, quando con un piccolo investimento individuale ci si può tutelare e dormire sonni tranquilli?

  1. Soggiornare sempre nello stesso posto: l’errore più classico!

Come abbiamo ripetuto più volte, Bali non è solo Kuta o Legian. Ci sono tanti luoghi da visitare, tra cui aree remote come gli altipiani centrali, la sconosciuta costa orientale e il tranquillo nord dell’isola. Scegliere di pernottare esclusivamente in un luogo può rischiare di precludervi la scoperta di tantissimi luoghi molto interessanti! Ecco perché è una buona idea pianificare il vostro itinerario valutando CON ESTREMA ATTENZIONE la posizione dell’albergo  in base ai tempi di percorrenza necessari. In questo modo non perderete tempo prezioso nei trasferimenti e potrete esplorare diverse zone dell’isola.

dove dormire a bali
Soggiornare a Bali in zone diverse può essere un buon modo per esplorare l’isola.
  1. Non comprare una sim card locale

È vero: troverete connessioni Wi-Fi quasi in ogni albergo e ristorante. Tuttavia potreste aver bisogno di controllare un itinerario su Google Maps mentre siete in giro in motorino, o di verificare il tasso di cambio più aggiornato prima di decidere se cambiare o meno i vostri euro. Vi consigliamo quindi di acquistare una SIM locale con un pacchetto dati, così da essere pronti per ogni evenienza. Il costo di una prepagata con 2 GB di traffico varia, a seconda dell’operatore, da 70.000 IDR (circa 5 euro) a 100.000 IDR (circa 8 euro) e potete acquistarla già in aeroporto o presso i punti vendita dei diversi operatori telefonici e anche nei supermercati. Si tratta di un investimento davvero irrisorio, che sarà in grado di semplificarvi notevolmente la vita (e la vacanza!).

errori vacanza Bali
Comprare una simcard in Indonesia: un errore non farlo!
  1. Non contrattare (o contrattare troppo)

Fare shopping può essere una parte divertente della vostra esperienza a Bali, dove mettere alla prova le vostre abilità commerciali nei numerosi mercati d’arte e nelle bancarelle: la contrattazione per quella statua di legno, quadro o per qualsiasi cosa abbia catturato il vostro interesse, può essere davvero divertente. Il consiglio è di avviare la trattativa proponendo metà (o addirittura un terzo!) del prezzo offerto inizialmente e proseguire al rialzo, sempre educatamente, evitando di essere offensivi o troppo duri. Non esagerate nel portare il prezzo al ribasso: ricordate sempre che una manciata di euro per voi non significa granchè, ma per molti balinesi non è così.

Seguite il vostro istinto per comprendere quando è meglio fermarsi ed accettare il prezzo proposto dal venditore, soprattutto se siete fermi su una cifra che differisce di poche decine di migliaia di rupie (1-2 euro): sarete contenti voi per aver fatto un affare e renderete felice anche il commerciante per aver concluso una vendita.

pura besakih bali est

  1. Non rispettare l’etichetta nei templi

Ogni luogo di culto prevede regole e restrizioni da rispettare. Per visitare i templi di Bali si applica un codice di abbigliamento molto semplice: un sarong e una fascia intorno alla vita, che il più delle volte vi verranno consegnati all’entrata del tempio in forma gratuita o previa piccola donazione per affittarli. Quando ci sono preghiere in corso, si potrebbe essere tentati di fare una foto della scena o camminare attorno ai devoti: ebbene, sappiate che è considerato estremamente scortese, anche se difficilmente qualcuno ve lo impedirà. Ci sono alcune aree nei templi a cui non avrete accesso perché dedicate solo alle preghiere e cerimonie: per sapere se è possibile scattare foto chiedete sempre alla vostra guida, ad un locale o il sacerdote del tempio.

tour dei templi di bali

  1. Non dare un’occasione alla cucina indonesiana

La cucina italiana è famosa in tutto il mondo per la sua bontà e varietà delle pietanze e ingredienti ed è davvero difficile riuscire a trovare altrove una cucina che possa tener testa alla nostra. Questo però non deve pregiudicare il vostro viaggio a Bali: lasciatevi andare alla scoperta della cucina indonesiana e rimarrete stupiti e soddisfatti dai nuovi sapori che saprà regalarvi!

cosa fare a bali tour gastronomici

A Bali non troverete solo piatti tipicamente balinesi come il babi guling (maialino arrosto) e sate lilit (spiedini di carne mista a cocco e spezie) ma potrete assaporare anche piatti di Giava e Sumatra, vista la presenza di tanti ristoranti e warung gestiti da indonesiani provenienti da queste isole.

Sappiate che il peperoncino e il sambal (salsa piccante, in genere servita a parte) non mancheranno mai nei vostri piatti: se non amate il cibo piccante chiedete sempre che non lo sia. Per voi, in questo caso, le prime parole da imparare in lingua indonesiana saranno due: TIDAK PEDAS (non piccante) 🙂

errori vacanza bali
Non commettete l’errore di diffidare della cucina indonesiana: è davvero gustosa!

Un commento

  1. Pingback: Cosa portare in valigia a Bali: tutti i consigli per viaggiare al meglio

I commenti sono chiusi.