Nomadi Digitali a Bali: un binomio perfetto!

Da diversi anni sta prendendo piede l’immagine di Bali come location perfetta per i nomadi digitali. Accanto ad altre destinazioni asiatiche quali Ho Chi Minh City, Chiang Mai e altre località della Thailandia e della Corea del Sud, anche Bali sta ormai salendo rapidamente la classifica dei luoghi migliori dove poter combinare lavoro e relax.

nomadi digitali a bali networking

Classificata in 5° posizione secondo il Corriere della Sera dopo Taipei (Taiwan), Bangkok (Thailandia), Victoria (Seychelles) e Shanghai (Cina), sono tante le ragioni che stanno rendendo questo luogo così allettante, in particolare i villaggi di Canggu e Ubud.

Accanto a motivazioni più legate allo stile di vita, o al fascino “eclettico” della vita in Asia, fra gli aspetti principali che stanno trasformando quest’isola in un luogo altamente stimolante vi è senza dubbio l’alta concentrazione di viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo. Gli stessi, infatti, decidono solitamente di fermarsi a Bali per almeno un mese dando vita così ad un’intensa attività di networking capace di generare opportunità, momenti di formazione di confronto molto interessanti. Bali offre infatti tutta una serie di attività che rendono la vita quotidiana dei suoi ospiti soggetta a stimoli continui e di ogni tipologia.

nomadi digitali a bali

Alla base di tutto, in ogni caso, vi è il costo notevolmente basso della vita e, in generale, la possibilità di trovare la giusta soluzione per ogni necessità e possibilità. Si parte infatti da valori come 400 euro al mese (sistemazioni economiche, 3 pasti al giorno, noleggio scooter) per i viaggiatori più attenti al budget, fino a circa 1.500 euro e oltre per chi punta al comfort totale e a standard qualitativamente elevati (ad esempio luxury villa con piscina, concierge e servizio di pulizie domestiche).

Su questa base molto “flessibile” e personalizzabile trovano spazio altri elementi pratici essenziali alla definizione di Bali quale luogo “digital nomad friendly”:

CONNESSIONE INTERNET

Sebbene le wifi siano piuttosto carenti in moltissime parti dell’isola (soprattutto se paragonate ad altri luoghi come, ad esempio, Chiang Mai), si tratta di un aspetto in continuo e rapido sviluppo. Esistono diversi coworking ormai di fama internazionale i quali garantiscono connessioni Internet super veloci e stabili, nonché diversi Internet café e locali con provider di buona qualità. Oltre a ciò è anche possibile acquistare schede sim locali a prezzi irrisori e utilizzare la connessione dati sia in 3G che 4G: il segnale è buono praticamente ovunque.

SICUREZZA

Bali può senza dubbio essere considerata un luogo sicuro. Gli occidentali sono massivamente presenti ormai da anni, e i locali sono abituati alla loro presenza. La situazione politica e sociale interna è piuttosto stabile, e i furti sono visti in maniera molto negativa a livello sociale e di comunità. Occasionalmente, tuttavia, accadono episodi di piccoli furti (attenzione alle borse e ai cellulari in motorino, e mettete sempre in sicurezza i vostri beni di valore nelle stanze, soprattutto nelle ville e negli ostelli), per cui è sempre buona norma tenere gli occhi aperti. Attenzione anche al traffico: gli incidenti sono davvero molto frequenti, ragione per cui consigliamo caldamente la stipula di una polizza assicurativa di viaggio.

QUALITA’ DELLA VITA

Il ritmo lento e pacato della vita balinese ha senza dubbio un grande impatto su tutti coloro che si innamorano di questo luogo. Nonostante il traffico lungo le strade principali sappia essere infernale e rendere gli spostamenti fra villaggi piuttosto complessi, la vita “stanziale” quotidiana non è affatto male. I balinesi sono persone piuttosto affabili e gentili, sempre pronti a dare una mano. La qualità dell’aria è buona, le farmacie sono fornite di ogni sorta di medicinale e sono aperte fino a tarda ora, i dentisti e i medici privati sono molto affidabili.

Bali dispone inoltre di una miriade di mercati, ma anche di supermercati per tutte le tasche e le necessità: dall’internazionalissimo Carrefour fino al 100% local Indomaret.

Ma le potenzialità di quest’isola non finiscono qui. Divertimento notturno, locali di intrattenimento, scuole di yoga, palestre, workshop, sport acquatici e trekking di ogni tipologia e livello: a Bali la noia è un concetto pressoché inesistente. Si può tra l’altro decidere di passare un weekend in un’altra zona dell’isola senza doversi organizzare più di tanto, e raggiungere quasi tutte le location principali in massimo un paio d’ore.

nomadi digitali a bali canggu ubud

Questi i principali luoghi che, ad oggi, risultano essere le mete preferite per centinaia di expat e nomadi digitali a Bali.

UBUD, PER RIGENERARE L’ANIMA

Il villaggio di Ubud, da sempre centro culturale e artistico dell’isola, ha acquisito tratti spirituali e “hippie”, soprattutto dopo “Mangia, Prega, Ama”, un film del 2010 diretto da Ryan Murphy, basato sull’omonimo libro di Elizabeth Gilbert (Mangia prega ama, ed. Rizzoli) e ambientato, per alcune sue scene, proprio a Ubud.

CANGGU, TERRA DI HIPSTER MODERNI

Canggu sta salendo alla ribalta negli ultimi anni quale location preferita dagli hipster di tutto il mondo. Fra scuole di surf, café e ristoranti con menù salutari ed energetici, centri di fitness e locali notturni al passo con le tendenze, questa zona di Bali sta attirando anche schiere di giovani nomadi digitali che preferiscono questo villaggio a Ubud per via della sua vicinanza al mare.

Per altre informazioni a carattere generale quali visti, meteo, cambio valuta etc, non dimenticare di consultare la nostra sezione Informazioni pratiche & FAQ.