Sharing is caring!

Da diversi anni Bali si è affermata come location perfetta per i nomadi digitali. Accanto a svariate destinazioni asiatiche quali Ho Chi Minh City, Chiang Mai e altre località della Thailandia e della Corea del Sud, Bali ha ormai raggiunto la fama di destinazione ottima per chi lavora online in qualsiasi angolo del mondo.

Classificata in 5° posizione secondo il Corriere della Sera dopo Taipei (Taiwan), Bangkok (Thailandia), Victoria (Seychelles) e Shanghai (Cina), sono tante le ragioni che stanno rendendo questo luogo così allettante per i nomadi digitali, con particolare riferimento ai villaggi di Canggu e Ubud.

Nomadi Digitali a Bali: perché?

Accanto a motivazioni più legate allo stile di vita, o al fascino “eclettico” della vita in Asia, fra gli aspetti principali che fanno di quest’isola un luogo così stimolante c’è senza dubbio l’alta concentrazione di viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo. Gli stessi, infatti, decidono solitamente di fermarsi a Bali per almeno un mese dando vita così a un’intensa attività di networking capace di generare opportunità, momenti di formazione e di confronto molto interessanti con altri professionisti e imprenditori. Bali offre infatti tutta una serie di attività che rendono la vita quotidiana dei suoi ospiti soggetta a stimoli continui e di ogni tipologia.

COSTO DELLA VITA A BALI

Alla base di tutto, in ogni caso, vi è il costo piuttosto basso della vita e, in generale, la possibilità di trovare la giusta soluzione per ogni necessità e possibilità. Si parte infatti da valori come 400€ al mese (pernottamento in ostello, 3 pasti al giorno, noleggio scooter) per i viaggiatori più attenti al budget, fino a circa 2000€ per chi punta al comfort totale e a standard qualitativamente elevati (ad esempio luxury villa privata con piscina, concierge e servizio di pulizie domestiche).

L’estrema flessibilità con cui l’isola è in grado di rispondere alle esigenze di ogni tipo di viaggiatore location indipendent, si coniuga ancora meglio con una serie di fattori essenziali per fare di Bali un luogo “digital nomad friendly”.

CONNESSIONE INTERNET

Sebbene le wifi siano piuttosto carenti in moltissime parti dell’isola (soprattutto se paragonate ad altri luoghi come, ad esempio, Chiang Mai), le cose stanno cambiando in meglio. Lo standard di velocità delle Wi-Fi nelle guesthouse e negli ostelli non va quasi mai oltre i 4 Mbps, ma se andrete su appartamenti privati, ville condivise e strutture un po’ più di valore potrete fare affidamento su connessioni dai 10 Mbps fino anche ai 100Mbps. Prima di prenotare un alloggio ti suggeriamo di leggere le recensioni degli utenti su Booking o AirBnB, perché quasi sempre troverai un riferimento alla qualità della linea Internet. In alternativa, chiedi di farti mandare uno screenshot della velocità attraverso strumenti gratuiti come SpeedTest.

MIGLIORI COWORKING DI BALI

Al di là dell’alloggio esistono diversi coworking ormai di fama internazionale i quali garantiscono connessioni Internet super veloci e stabili, nonché diversi Internet café e locali con provider di buona qualità. Oltre a ciò è anche possibile acquistare schede sim locali a prezzi irrisori e utilizzare la connessione dati sia in 3G che 4G: il segnale è buono praticamente ovunque.

Lista 12 migliori coworking di Bali

COWORKINGTARIFFA /GIORNOTARIFFA /MESE
HUBUD, Ubud220.000 IDRda 800.000 IDR
The Onion Collective, Ubud500.000 IDR1.000.000 IDR
Outpost, Ubud e Canggu220.000 IDRda 680.000 IDR
Dojo, Canggu220.000 IDRda 800.000 IDR
Tropical Nomad, Canggu180.000 IDRda 700.000 IDR
Genesis Creative Center, Berawa165.000 IDRda 2.200.000 IDR
Matra Bali, Berawasi paga solo consumo datisi paga solo consumo dati
HUB Bali, Legiann.d.da 1.000.000 IDR
Biliq Bali, Seminyak500 IDR/minuto1.900.000 IDR
Livit Hub, Sanurda 145.000da 3.270.000 IDR
Bali Bustle, Legian150.000 IDRda 2.200.000 IDR
Hustlers Villa, Ubud100.000 IDR1.500.000 IDR

SICUREZZA GENERALE

Bali può senza dubbio essere considerata un luogo sicuro. Gli occidentali sono massivamente presenti ormai da anni, e i locali sono abituati alla loro presenza. La situazione politica e sociale interna è piuttosto stabile, e i furti sono visti in maniera molto negativa a livello sociale e di comunità. Come in ogni parte del mondo però, con l’aumentare del turismo è stato riscontrato un aumento dei furti, sia in giro nei locali che nelle ville e negli ostelli. Attenzione quindi alle borse e ai cellulari in motorino, e metti sempre in sicurezza i tuoi oggetti di valore nelle stanze.

NOMADI DIGITALI A BALI: QUALITÀ DELLA VITA

Il ritmo lento e pacato della vita balinese ha senza dubbio un grande impatto su tutti coloro che si innamorano di questo luogo. Nonostante il traffico lungo le strade principali sappia essere infernale e rendere gli spostamenti fra villaggi piuttosto complessi, la vita “stanziale” quotidiana non è affatto male. I balinesi sono persone affabili e gentili, sempre pronti a dare una mano. La qualità dell’aria è buona lontano dalle strade principali, e le farmacie sono fornite di ogni sorta di medicinale e sono aperte fino a tarda ora.

Bali dispone inoltre di una miriade di mercati, ma anche di supermercati per tutte le tasche e le necessità: dall’internazionalissimo Carrefour fino al 100% local Indomaret, Alfamart, Cocomart e Pepito.

Ma le potenzialità di quest’isola non finiscono qui. Divertimento notturno, locali di intrattenimento, scuole di yoga, palestre, workshop, sport acquatici e trekking di ogni tipologia e livello: a Bali la noia è un concetto pressoché inesistente. Si può tra l’altro decidere di passare un weekend in un’altra zona dell’isola senza doversi organizzare più di tanto, e raggiungere quasi tutte le location principali in massimo un paio d’ore. Questi i principali luoghi che, ad oggi, risultano essere le mete preferite per centinaia di expat e nomadi digitali a Bali.

Le migliori location digital nomad friendly di Bali

Le soluzioni per i cultori del nomadismo digitale si stanno sviluppando un po’ lungo tutta l’isola, proprio per rispondere al meglio al sempre più crescente interesse internazionale verso Bali. Se però la tua esigenza è quella di essere presente negli hub principali del digital networking, Ubud e Canggu sono senza dubbio le destinazioni più adatte ai tuoi bisogni.

UBUD, PRIMO E STORICO HUB DIGITALE DI BALI

Il villaggio di Ubud, da sempre centro culturale e artistico dell’isola, ha acquisito tratti spirituali e “hippie”, soprattutto dopo “Mangia, Prega, Ama”, un film del 2010 diretto da Ryan Murphy, basato sull’omonimo libro di Elizabeth Gilbert (Mangia prega ama, ed. Rizzoli) e ambientato, per alcune sue scene, proprio a Ubud.

CANGGU, NUOVA FRONTIERA DEI NOMADI DIGITALI A BALI

Canggu sta salendo alla ribalta negli ultimi anni quale location preferita dagli hipster di tutto il mondo. Fra scuole di surf, café e ristoranti con menù salutari ed energetici, centri di fitness e locali notturni al passo con le tendenze, questa zona di Bali sta attirando anche schiere di giovani nomadi digitali che preferiscono questo villaggio a Ubud per via della sua vicinanza al mare.

 

Per altre informazioni a carattere generale quali visti, meteo, cambio valuta etc, non dimenticare di consultare la nostra sezione Informazioni pratiche & FAQ.

Sharing is caring!

shares