Dove andare: Ubud e dintorni

Distese di campi di riso, spettacoli di danza tradizionale, musei con opere d’arte di artisti locali, ristorantini o caffè con vista su una natura lussureggiante. E poi ancora, templi, scuole di meditazione e yoga, festival culturali, spa immerse nella giungla e piccoli villaggi sospesi nel tempo. La zona centrale di Bali è tutto questo e molto altro ancora, e Ubud e dintorni ne sono il cuore pulsante.

bali centro ubud mappa

Nonostante la presenza di tanti turisti, è ancora possibile vivere un’immersione totale nella cultura balinese. A seguire, come sempre, i luoghi di principale interesse da esplorare.

dintorni di ubud

Ubud

Ubud viene considerata il centro culturale di Bali, con i suoi  numerosi negozi d’artigianato e gallerie d’arte. Ubud è diventata famosa nel mondo sin da quando artisti noti come i pittori Walter Spiess, Rudolf Bonnet e Arie Smit hanno iniziato a stabilirsi e lavorare qui negli anni Trenta. I loro quadri possono ancora essere ammirati nel museo d’arte di Ubud, Puri Lukisan.

Il Palazzo Reale, tutt’ ora residenza del sovrano di Ubud, si trova sulla strada principale e rappresenta una tappa imprescindibile se volete entrare subito in contatto con la cultura e l’architettura balinese. Vicinissimi al Palazzo troverete diversi templi:  il Puri Saren Agung, il Pura Marajan Agung (il tempio privato della famiglia reale), il Pura Desa Ubud (tempio principale della comunità), e il Pura Taman Saraswati.

tour ubudLa Sacra Foresta delle Scimmie di Ubud è una riserva naturale che si trova all’interno di un complesso architettonico hindu, che attrae mensilmente oltre 10.000 turisti. La creazione di questo santuario ha diverse finalità: innanzitutto costituisce una splendida oasi di pace e tranquillità dove potersi rilassare un po’. In secondo luogo qui vengono preservati numerose piante rare utilizzati nei rituali hindu; infine questa foresta fornisce un laboratorio didattico per istituti scolastici, con un focus particolare sull’analisi delle interazioni sociali fra scimmie e alla loro relazione con l’ambiente naturale circostante.

 


Goa Gajah

Allontanandovi di poco dal centro di Ubud è possibile visitare il Goa Gajah, un santuario risalente al IX secolo la cui peculiarità è la presenza di una grotta scavata e scolpita nella roccia. Il Goa Gajah deve probabilmente il suo nome al vicino fiume, conosciuto come Fiume dell’Elefante, o alla faccia visibile sulla grotta, che ricorda appunto un elefante.

Terminata la visita del sito, non perdetevi l’adiacente foresta tropicale, dove potrete passeggiare tra antichissimi alberi e piccole cascate naturali.

ubud e dintorni

Yeh Puluh

Tappa d’obbligo poco distate dal Goa Gajah è il sito Yeh Puluh: si tratta di un luogo poco visitato ma, se siete amanti di storia antica e bassorilievi, andate a scoprirlo.

Il percorso si snoda attraverso una foresta lussureggiante lungo un corridoio roccioso, dopodiché la strada si apre improvvisamente su campi di riso e palme di cocco. A sinistra noterete una nicchia scavata nella roccia e dell’acqua che scorre in un bacino rustico: questo è l’inizio del vostro breve ma affascinante viaggio attraverso le sculture in pietra di Yeh Puluh.

Il bassorilievo di Yeh Puluh è alto 2 metri e lungo ben 25 e raffigura scene tradizionali della vita quotidiana: un uomo che trasporta sulle spalle un palo con due orci, una donna che indossa gioielli, una scena di caccia… L’opera si chiude con una raffigurazione di Ganesha molto simile a quella che si trova al Goa Gajah: questo fa presumere una connessione tra i due siti.


A sud di Ubud

La zona a sud di Ubud è costellata di piccoli villaggi, ciascuno dei quali è specializzato in un tipo di artigianato. Vi consigliamo di fare un piccolo tour in questa zona per l’acquisto dei souvenir da portare a casa, avrete la possibilità di scegliere tra pezzi unici di inestimabile valore o oggetti molto semplici a prezzi competitivi.

Batubulan è il villaggio specializzato nella scultura della pietra e qui troverete laboratori che realizzano le statue dei guardiani della porta del tempio; a Celuk la specializzazione è nella lavorazione dell’argento e dell’oro, ed è possibile acquistare pezzi già realizzati o, addirittura, portare un modello o un disegno da produrre su ordinazione; a Mas la principale attività è l’intaglio del legno, una location perfetta per l’acquisto di sculture e maschere in sandalo ma anche raffinatissimi mobili in tek; a Sukawati, infine, si producono gli ombrellini che adornano i templi e si utilizzano per le cerimonie.


Tegalalang

Il villaggio di Tegalalang si trova poco più a nord di Ubud ed è diventato famoso per via della bellissime terrazze di riso che i turisti visitano giornalmente: il panorama è davvero incredibile. Visitando questo villaggio scoprirete la bellezza dei paesaggi naturali balinesi e potrebbe capitarvi anche di osservare gli agricoltori locali al lavoro, comprendendo la difficoltà di questa coltura.

Se non volete accontentare solo la vista, potrete avventurarvi nella giungla e, dopo aver risalito la scalinata che riporta sulla strada principale, godetevi una bevanda rinfrescante in uno dei warung che si affacciano sulle terrazze di riso.

tour terrazze risaie

Tampaksiring

Tampaksiring è un villaggio di montagna noto per lo straordinario tempio della sorgente sacra Tirta Empul e per  il sito archeologico pre-hindu Gunung Kawi: qui si respira ancora l’atmosfera delle leggende antiche e dei racconti dei re balinesi, appartenenti a un passato ormai lontano.

tampaksiring tirta empul ubud e dintorni

Il tempio Gunung Kawi sorge sul fondo della valle verde e rigogliosa del fiume Pakerisan, al termine di una lunga e ripida scalinata. Il complesso comprende dieci candi, monumenti funebri scolpiti nella roccia, ciascuno dei quali si ritiene sia dedicato ad un membro della famiglia reale che regnava su Bali nell’XI secolo (1080 dC).

tour tirta empul

Il Tirta Empul è uno dei templi più sacri di Bali ed anche uno dei più visitati. Il tempio è dedicato a Vishnu e il nome “Tirta Empul” significa letteralmente “sorgente sacra”; gli hindu balinesi si recano qui in visita per effettuare le abluzioni nella larga vasca in cui confluisce l’acqua della sorgente e che viene portata via in taniche per essere poi utilizzata durante le cerimonie.

>> Approfondimento su Tirta Empul

 


Tabanan

Nella zona di Tabanan non mancano viste mozzafiato di risaie a terrazze, spiagge di sabbia nera e montagne maestose. Le cose da fare a Tabanan (sulla terra e sull’acqua!) sono infinite, in quanto la campagna è immersa in piantagioni di frutta e caffè, campi di riso, foreste tropicali, villaggi tradizionali, mentre le spiagge offrono ottime soluzioni sia per gli amanti del surf che per coloro che adorano rilassarsi.


Jatiluwih

In villaggio di Jatiluwih è famoso per la vista mozzafiato sui terrazzamenti di riso che si estendono a vista d’occhio sui fianchi delle colline. Queste risaie sono state nominate Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel 2012, per aver mantenuto  il sistema di irrigazione tradizionale chiamato subak.  Il riso che viene coltivato qui non è quello tipico diffuso in tutta Bali ma si tratta di una varietà particolare: il chicco è rosso, corto e tozzo.

Vi consigliamo di visitare questo posto perché, oltre ad ammirare il paesaggio caratteristico, potrete fare trekking tra le risaie. Vi sono infatti più percorsi da poter seguire, a seconda del tempo che si ha a disposizione: sarà fantastico perdersi nel verde delle terrazze e allontanarsi via via dalla frenesia della strada e dal vociare dei tanti turisti.

tanah lot ubud e dintorni

Tanah Lot

Pura Tanah Lot, il tempio più visitato e fotografato di Bali, è molto scenico in quanto poggia su una roccia in mare ed è raggiungibile solo con la bassa marea. Questo è uno dei templi marini più importanti, eretto in modo da essere visibile dagli altri templi marini (come il Pura Luhur Uluwatu), ed è visitato da tantissimi hindu balinesi per ogni tipo di cerimonia.

Per accedervi occorre attraversare una zona di negozietti che vendono souvenir e questo si sa, può risultare noioso. Il panorama e la maestosità del tempio ricompensano però la fatica: la struttura si staglia come un dipinto tra le onde e il suo giardino ricco di piante e fiori offre la possibilità di fare splendide lunghe passeggiate.

>> Approfondimento su Tanah Lot

 

tour tempio tanah lot


Mengwi

Mengwi è un villaggio tra Ubud e Canggu famoso per il bellissimo tempio sull’ acqua Pura Taman Ayun (tradotto letteralmente in “bel giardino”) con alberi e laghetti, attraversato da ampi canali.

Il tempio è stato eretto nel 1634 dall’allora sovrano del regno di Mengwi per dare alla popolazione un luogo di culto, in modo che i devoti non dovessero spostarsi verso i grandi templi.